pagina iniziale
   
 
Menu' WebSite
- Home page

 
Morbo di Dupuytren
 

Descritta agli inizi dell'800 consiste nella progressiva retrazione (contrattura) dell'aponeurosi palmare, il tessuto fibroso situato tra la pelle del palmo della mano e i tendini flessori (quello in giallo nella figura). 

Si instaura progressivamente e colpisce sovente le due mani, estendendosi prevalentemente alle dita anulare e mignolo.

Inizialmente piccoli noduli duri sollevano la pelle del palmo, successivamente questi noduli formano delle catene discontinue che si fondono in corde dure, la retrazione progressiva delle quali induce la flessione delle dita. I tendini sono intatti. Questa evoluzione è molto lenta, di mesi o anni. La malattia ha spesso un andamento intermittente, ma non c'è miglioramento spontaneo.

Si riscontrano casi all'interno di una stessa famiglia e colpisce prevalentemente gli uomini intorno ai 50 anni.

Nelle donne si manifesta meno frequentemente e più tardi.  

I traumi e il lavoro manuale pesante possono essere una causa scatenante ma solo in persone predisposte. Quando la flessione delle dita impedisce l'attività quotidiana è meglio consultare lo specialista per scegliere il trattamento più adatto. In ogni caso il trattamento ha un scopo esclusivamente funzionale, in quanto non cura la malattia ma corregge le deformità che essa ha provocato.

Negli anni settanta si è diffusa la fasciotomia percutanea con un ago allo scopo di interrompere, senza asportarla, la corda patologica. Tale pratica, introdotta da reumatologi francesi, trova indicazione nei casi più semplici con un risultato favorevole ma una incidenza maggiore di recidive rispetto alla chirurgia. Più recentemente vi è stato associato il lipofilling (innesto di grasso prelevato dall’addome) ma è una tecnica poco diffusa e che presenta ancora punti di controversia.

Dal febbraio del 2014 disponiamo anche in Italia di un prodotto a base di collagenasi, utilizzato già da tempo negli Stati Uniti e alcuni paesi europei, che consente di trattare alcune forme selezionate di M. di Dupuytren senza chirurgia. La Regione Lombardia ha autorizzato l’uso della Collagenasi (nome commerciale Xiapex) a carico del SSN, solo 5 Ospedali e tra questo l’Ospedale di Magenta, dove opero, in quanto ho partecipato alla fase preparatoria.

L’indicazione all’utilizzo per il momento è limitata a casi selezionati. Nei casi non idonei a questo trattamento si può ricorrere alla chirurgia tradizionale.

L'operazione, o aponevrectomia, rimuove le corde e i noduli per permettere l'estensione delle dita e quindi il recupero funzionale. E' un'operazione delicata a causa delle strutture vasculo-nervose e tendinee che si trovano nel palmo della mano e perché richiede spesso plastiche cutanee. Una caratteristica della Malattia di Dupuytren (che dovremmo chiamare più propriamente contrattura di Dupuytren) è la estrema variabilità con cui si manifesta, sia in termini di estensione e grado di retrazione delle dita che di velocità di evoluzione. Questo fatto comporta una scelta di trattamento personalizzata, basata soprattutto sull’esperienza del chirurgo 

L'intervento richiede in genere una breve degenza ed un periodo di cure ambulatoriali variabile da 2 a 4 settimane. Segue un periodo di riabilitazione che consiste in genere in esercizi autonomi ma può comportare sedute di fisioterapia e uso di speciali ortesi (splint di riabilitazione). Bisogna considerare che si tratta di una malattia evolutiva, che può continuare anche dopo l’intervento, colpendo altre dita o, nei casi più gravi, le stesse dita dopo alcuni anni.  

E' importante scegliere con cura il momento dell'intervento, né troppo presto, quando non è ancora necessario, né troppo tardi, quando le articolazioni si sono bloccate.

Negli anni settanta si è diffusa la fasciotomia percutanea con un ago allo scopo di interrompere, senza asportarla, la corda patologica. Tale pratica, introdotta da reumatologi francesi, trova indicazione nei casi più semplici con un risultato favorevole ma una incidenza maggiore di recidive rispetto alla chirurgia.

Più recentemente vi è stato associato il lipofilling (innesto di grasso prelevato dall’addome) ma è una tecnica poco diffusa e che presenta ancora punti di controversia.


 

 


 
Vai a

- Descrizione
- Cause
- Operazione
- Intervento chirurgico
- Quando intervenire

Schede approfondimento PDF
- Risultati Dupuytren